EureKamente

E’ un rito quasi magico, misterioso e contemporaneamente forte e ricco di suggestione quello che ogni anno nel secondo sabato del mese di settembre coinvolge l’intera città di Reggio Calabria. Infatti i Reggini nella più assoluta compostezza, serietà e sincerità tipica di ogni rito religioso, si preparano ad abbracciare la loro Patrona, La Madonna della Consolazione, madre e guida del popolo reggino. Si tratta di un vero, grande e sincero abbraccio che un’intera città offre alla Sagra Effige custodita nella Basilica dell’Eremo quando puntualmente nelle prime ore della mattinata attorniato dai tanti fedeli il Quadro si prepara a lasciare l'Eremo per raggiungere la Basilica Cattedrale. Un rito che ormai si ripete nei secoli e che rappresenta per la città di Reggio Calabria il magico momento, misterioso e solenne, di incontro con la sua Madre protettrice, la sua guida, la sua Anima. spirituale. E’ la storia di un popolo in cammino che si rivolge a Maria con immenso ed immutato amore, per chiedere aiuto, sostegno, forza. Un unico grido, dalla testa alla fine della processione, il coro è unanime:>.E’ la festa della città che ritrova nello sguardo della Madonna della Consolazione la forza, la voglia, la volontà di proseguire, di continuare a costruire la sua storia. E così sulla forti e possenti spalle dei Portatori il Quadro parte, attraversa tutta la città.
Leggi tutto...

A seguito della riunione tra il nuovo reggente l'I.C. Motta San Giovanni e i genitori, apprendiamo che Il plesso scolastico della scuola Primaria Demetrio Cuzzupoli di Lazzaro non sarà in esercizio per l’anno scolastico 2019/2020 e pertanto gli alunni della scuola elementare saranno ospitati presumibilmente presso gli altri plessi scolastici di Lazzaro.

Leggi tutto...

A segnalare, per l'ennesima volta la situazione è Vincenzo Crea referente unico ANCADIC in un comunicato stampa nel quale si augura di non continuare a sottovalutare la situazione. Di seguito riportiamo le affermazioni di Crea nel comunicato stampa: "Nei primi giorni della scorsa settimana, un blocco lapideo dall’alto del viadotto di Capo d’Armi è franato demolendo un pezzo di basamento dei piloni.

Leggi tutto...

Gli stereotipi sono duri a morire, ma la realtà è testarda e alla fine ottiene la meglio sul luogo comune. Questa volta tocca all'età anagrafica, argomento delicato che tocca la suscettibilità di donne e uomini. Perché se arrivare ai 60 anni conclamati vuol dire un pò sentirsi archiviati nel libro del non desiderabile, è pur vero che il mondo è cambiato e l'età della vecchiaia per buona parte delle persone è ancora di là da venire.

Leggi tutto...

1,2 milioni di bambini e adolescenti vivono in povertà assoluta. Ma non sono solo le condizioni economiche del nucleo familiare a pesare sul loro futuro. L’ambiente in cui vivono ha un enorme impatto nel condizionare le loro opportunità di crescita e di futuro.

Leggi tutto...

Settembre 2003

Il futuro è nell'intelligenza e nella formazione della nuova generazione

Le  Amministrazioni locali devono attuare ogni iniziativa tendente a " promuovere la partecipazione dei bambini e degli adolescenti alla vita della comunità locale, anche amministrativa" ( art 7 comma "c" della legge 285/1997)

Leggi tutto...

Aprile 2010

sono trascorsi due anni dalla precedente richiesta, il diritto ad una risposta continua ad essere inosservato continuiamo comunque a ribadire

Il futuro è nell'intelligenza e nella formazione della nuova generazione

Le  Amministrazioni locali devono attuare ogni iniziativa tendente a " promuovere la partecipazione dei bambini e degli adolescenti alla vita della comunità locale, anche amministrativa" ( art 7 comma "c" della legge 285/1997)

Leggi tutto...

"Siamo stati costretti a vendere anche l’oro di casa, persino i regali di battesimo ricevuti da Matteo. Adesso non ce la facciamo più, dall'Asp solo silenzio". Queste le parole del grido disperato di dolore e alla ricerca di aiuto di Angela Villani mamma del piccolo Matteo, bimbo di 6 anni affetto da autismo. La giovane mamma coraggio, senza alcun indugio dunque deciso di scendere in piazza e di protestare per difendere i diritti del piccolo che a quanto detto più volte denunciato dalla donna sono negati: finanche il diritto di potersi curare.

Leggi tutto...

Ultimamente ha preso piede la moda, per altro introdotta anche nelle circolari scolastiche, diventando così il termine ufficiale da utilizzare, di chiamare le persone disabili: “Diversamente abili” o “Diversabili”.

Leggi tutto...

Galleria foto

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok